Il mistero del dipinto di Cristo

Ho completato da un pò di tempo la lettura del libro di Craig Smith dal titolo “Il mistero del dipinto di Cristo” regalatomi da mia sorella. Il libro appartiene al filone nato in seguito al grande successo ottenuto dal Codice da Vinci di Dan Brown, un thriller teologico che tra le sue pagine tratta di tematiche molto complesse, come quelle interpersonali, il rapporto tra passato e presente e la forte suggestione che può generare una grande fede.

Titolo: Il mistero del dipinto di Cristo
Autore: Craig Smith
Dati: 2008, 301 p.
Editore: Newton & Compton
Collana: Nuova narrativa Newton
Descrizione dell’autore: Mentre sulla Terra calavano le tenebre in pieno giorno e il Figlio dell’uomo, crocifisso, tornava alla casa del Padre, Ponzio Pilato, responsabile dell’esecuzione, commissionava a Theophanes la realizzazione del più prezioso dei dipinti: l’unico quadro che, attraverso gli occhi dei contemporanei, che avrebbe tramandato ai posteri l’immagine del volto di Cristo. Più prezioso del Santo Graal e più potente dell’Arca dell’Alleanza, il dipinto di Cristo ha attraversato le epoche della storia passando tra le mani di oscure congreghe: oggetto benedetto e terribile, in grado di dispensare la morte tra chi lotta per possederlo ma anche di elargire il dono della vita eterna a colui che può vantarsi di averlo tra le sue mani. Per questa ragione, intorno a un castello affacciato sul lago di Lucerna, convergono i destini di un pugno di personaggi senza scrupoli. Un thriller teologico ricco di azione e dall’inaspettata profondità psicologica, nel quale i sette peccati capitali presenti nel cuore degli uomini sono pronti a gettarsi nell’arena. Una storia capace di scavare sotto la pelle dei misteri della fede per spingersi oltre i confini del mondo conosciuto a caccia di un’immagine che, senza garantire la salvezza, promette l’immortalità.

L'articolo è stato di tuo interesse? Se si aiutami a scriverne sempre di migliori con una:

Nessun commento ancora

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Additional comments powered by BackType